INTROMETTERSI | elèuthera

sul sito di elèuthera

«Bisogna complicarsi la vita», diceva Carmelo Bene. E Franco La Cecla lo ha fatto, come racconta in questo dialogo con Leonardo Caffo tutto giocato sul filo dell’impertinenza, ovvero dell’imperdonabile tendenza a essere transdisciplinari, antiaccademici e ostinatamente curiosi.

Intromettersi vuol dire varcare confini, invadere campi, dissodare terreni…. Per circa un anno La Cecla, antropologo, si è incontrato con Caffo, filosofo, per ripercorrere insieme una vicenda personale che è soprattutto un pretesto per attraversare circostanze e ambienti. Così, dalla Sicilia degli anni Settanta e dalla militanza ambientalista e antimilitarista, si arriva ai giorni nostri e alle polemiche con le archistar internazionali e con un establishment accademico arroccato su un ordine disciplinare che non ammette deroghe, commistioni e tanto meno intromissioni. E invece sono proprio queste consapevoli violazioni dell’ordine costituito che segnano un percorso esistenziale lungo sette decenni, fatto di incontri con persone fuori dall’ordinario, come Doglio e Illich, Feyerabend e Augé, Foucault e Piano, e di luoghi altrettanto straordinari, come Berkeley, Istanbul o Bombay, che perdono la loro dimensione geografica per diventare paesaggi viventi. Ne viene fuori una traiettoria esistenziale piena di svolte, inversioni e deviazioni, ma al contempo capace di disegnare una mappa quanto mai aperta per le future generazioni di pensatori «impertinenti».