letteratura

Requiem – a me stesso

Una mattina d’Agosto,

senza fiato finisco impaurito, lì.

 

Una mattina, di quell’Agosto che più fu mattina,

mi accorgo d’essere umano, e le parole mi sfuggono.

 

Una mattina d’Agosto risuona la marcia funebre,

ed io stesso m’accorgo che posso morire,

io stesso che posso patir patendo.

 

Una mattina d’Agosto non mi vedo quasi più,

e forse il vuoto non è poi così triste.

 

Una mattina, che non ricordo più quando,

sembravo vivo e gli altri morti.

 

Quella mattina, in quel non luogo, capì,

la marcia era per me,

ma “me” chi, davvero non so.

Annunci

Categorie:letteratura

2 risposte »

  1. Caro Leonardo, scusa se ti scrivo qui ma sul tuo profilo di facebook nion ho trovato l’opzione per inviare messaggi privati. Scusa se non accetto la tua amicizia su facebook: ho invitato solo i miei amici più intimi perchè mi conoscono molte persone e non voglio perdere ttoppo tempo su fb. Lo uso quasi esclusivamente per leggere e commentare su profili importanti come filosofipercaso e qualche altro. Perciò mi sono iscritta con un nick, perchè non voglio mi trovino i tanti che mi conoscono. Ma il mio profilo è aperto a tutti e se vuoi puoi venire a trovarmi quando vuoi. Anche sul mio blog di splinder, se ti va:

    http://parolenude.splinder.com

    Un abbraccio.

    • Ricambio l’abbraccio, non preoccuparti. Volevo ringraziarti per il commento positivo al mio libro su filosofi per caso.

      Buone cose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...