interviste

Se la filosofia diventa realista (mia intervista a Mario De Caro per ‘Gli Altri’)

Se la filosofia diventa realista

Apparso su Gli Altri – 17/02/2012 – p. 18

[l’articolo è parte di un dibattito più grande di cui attualmete mi ‘occupo]’

di Leonardo Caffo

In questi giorni, autorevoli quotidiani, dal Sole 24 Ore al Telegraph, dal Guardian al NY Times, hanno ospitato contributi in ricordo di Michael Dummett, filosofo che ha rivoluzionato la filosofia analitica con i suoi studi sul verificazonismo ed esperto mondiale di tarocchi (si, proprio quelli) con testi come il celebre I tarocchi siciliani (il Melangolo, 2003). Di questo gigante del pensiero e di libero arbitrio ne parliamo con Mario De Caro professore di filosofia morale all’Università Roma Tre, noto a livello internazionale per i suoi studi sul naturalismo, la teoria dell’azione e la neuroetica, e che ha recentemente pubblicato Continenti filosofici. La filosofia analitica e le altre tradizioni (Carocci, 2011).

Per prima cosa vorrei chiederti di Michael Dummett, morto lo scorso 27 Dicembre. Che ricordo ne hai, come filosofo, ma anche come uomo?

La prima volta che lo vidi fu vent’anni fa a Kirchberg, in Austria, durante uno dei famosi convegni su Wittgenstein. Io ero giovane, ma lui mi impressionò perché per l’accento, i modi aristocratici, lo humor britannico e l’abbigliamento old-fashioned coincideva perfettamente con il prototipo del filosofo oxoniense che avevo sempre avuto in mente. L’ho rivisto poi varie volte e mi colpì sempre per il rigore filosofico ma anche per l’ironia tagliente. Una volta discutemmo di naturalismo e alla fine gli chiesi se voleva contribuire a un volume che stavo curando (il volume sarebbe poi diventato Naturalism in Question e uscì per Harvard). Lui si disse interessato e mi chiese di scrivergli per ricordarglielo. Tornato a casa, gli inviai subito una lettera (non una email, perché non la usava); lui però non rispose e il volume uscì senza il suo contributo. Due anni aprii la cassetta delle lettere e, con grande sorpresa, trovai una sua lettera. Si scusava per l’inqualificabile ritardo della sua risposta e aggiungeva che purtroppo proprio non aveva tempo per scrivere il saggio sul naturalismo. Di quella lettera ricordo in particolare una frase, che diceva grosso modo: “Non oso immaginare cosa avrà pensato della mia scortesia”. Ma in realtà io fui ammirato dalla sua cortesia d’altri tempi.

 

Cosa vuol dire oggi discutere di libertà e di libero arbitrio? Quali sono i presunti ostacoli delle libertà individuali?

La domanda è semplice, la risposta è articolata. Esistono diversi concetti di libertà e dipendono dal tipo di vincoli o costrizioni che minacciano la nostra capacità di scegliere e di agire autonomamente. Il libero arbitrio è la forma generalissima della libertà e il vincolo che la minaccia è rappresentato dalle leggi di natura (sul piano teologico, invece la minaccia sono la predeterminazione e la prescienza divina). Se invece guardiamo al mondo politico, sociale o culturale, abbiamo diversi fattori che possono interferire con la nostra libertà (dal vacuum legis all’iniquità legislativa; dalla violenza sociale all’ottenebramento culturale). Il punto cruciale però è che concettualmente il concetto di libertà rimanda sempre a una sua possibile limitazione.

 

Dal “Manifesto del New Realism“, pubblicato l’8 agosto 2011 su Repubblica da Maurizio Ferraris, ad oggi è nato un enorme dibattito, non solo tecnico, ma anche mediatico, sul concetto di verità. Tu stesso hai partecipato a questo dibattito. Che pregi ha questo nuovo realismo?

Il termine “Nuovo realismo” non denota una concezione specifica ma una diagnosi culturale. Negli ultimi decenni del Novecento la Stimmung filosofica aveva virato sull’antirealismo: e ciò sia in ambito continentale (postmodernismo, pensiero debole, relativismo in varie forme) sia in ambito analitico (con l’antirealismo di Dummett e il realismo interno di Putnam, lo strumentalismo e il relativismo in filosofia della scienza e varie riprese dell’empirismo logico). Naturalmente queste concezioni erano molto diverse tra loro, ma tutte condividevano istanze non-realistiche. Oggi il realismo è tornato prepotentemente in auge, sia sul piano ontologico sia su quello semantico sia su quello epistemologico. Una figura emblematica, in questo senso, è Putnam che oggi propone di coniugare realismo scientifico e realismo del senso comune.

 

Un’ultima domanda, su una dicotomia evergreen. Ha ancora senso l’inflazionata distinzione tra filosofia analitica e filosofia continentale?

In realtà oggi le cose sono più sfumate perché al confine tra le due tradizioni ci sono molti filosofi intenti ad interagire, e tra questi ci sono anche alcuni dei maggiori filosofi contemporanei: da McDowell a Habermas a  Putnam. Credo che la distinzione resterà valida ancora per qualche decennio, perché troppi fattori identitari e sociologici sono in gioco, ma che questo lavoro di confine diventerà sempre più importante. I continentali porteranno in dote la loro consapevolezza storica, gli analitici il loro rigore argomentativo.

L’unica speranza è che le parti non si invertano. Una filosofia con la consapevolezza storica degli analitici e il rigore argomentativo dei continentali preferirei non vederla…

Advertisements

Categorie:interviste, philo

1 reply »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...