philo

Terremoti morali, terremoti materiali

L’Italia trema: in un breve lasso di tempo è caduto un governo, si è avventata la crisi, ed è tremato il terreno.

Dopo l’Aquila, oggi l’Emilia. Dopo le mignotte del nano, ci sono toccate le lacrime del coccodrillo.

L’Italia trema, e gli italiani stanno fermi. Le case crollano, e gli italiani stanno fermi. Le tasse diventano ingestibili, e siamo tutti fermi.

Ma perché stiamo fermi?

Siamo fermi, perché siamo già morti.

La democrazia è svenuta sotto il peso del denaro, la speranza per il futuro dei terremoti si è spenta dopo aver visto, ancora oggi, un Abruzzo identico a quello del sisma e la voglia di cambiare sembra passare, a tanto siamo arrivati da un grillo parlante che vede in internet, e nei blog, l’unico spiraglio per il tricolore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...